6 CONSIGLI PRATICI PER IL CICLOCROSS

Se hai appena iniziato a praticare ciclocross o hai intenzione di farlo, in questo articolo troverai sei consigli pratici che ti potrebbero essere d’aiuto.

CONSIGLI PRATICI PER IL CICLOCROSS
Quanto mi gasa il ciclocross!

Il Ciclocross è uno sport abbastanza particolare, “di nicchia” oserei dire e che vanta una lunga tradizione legata al mondo delle gare su strada.
Molti atleti infatti continuano a praticarlo come alternativa alla bici da corsa durante la stagione invernale, altri invece perché lo trovano interessante e divertente.
Praticandolo da qualche tempo ho pensato di fissare su “carta” alcuni consigli pratici nella speranza possano aiutare chi come me ha cominciato da autodidatta.

1) ALLENATE LA TECNICA 

Le gare di ciclocross si tengono su circuiti abbastanza tecnici per delle bici fin troppo simili nell’aspetto a una bici da strada. Sono previste curve chiuse, salite e discese ripide e ostacoli da superare. In ogni gara ci sono passaggi in cui conoscere la tecnica giusta vi permetterà di essere più veloci dei vostri avversari e strappare posizioni. Quindi allenate la tecnica. Se interessati qui troverete un mio articolo dedicato alle tecniche fondamentali del ciclocross.

CONSIGLI PRATICI PER IL CICLOCROSS
Guido salta hop hop!

Per progredire consiglio di crearvi il vostro circuito dall’allenamento personale. Deve darvi la possibilità di esercitare il portage, qualche curva chiusa, e se possibile offrirvi degli ostacoli naturali da saltare.
Sebbene non si tratti di un circuito di gara vero e proprio, sicuramente ripetere certi gesti vi metterà a vostro agio nei contesti di gara.
Io per esempio mi alleno in una macchia di verde vicino al fiume delle mie zone e nei campi limitrofi ma anche un parco pubblico può andare bene.
L’importante è familiarizzare
il più possibile con questi movimenti e acquisire coordinazione.
Ho impiegato qualche tempo per imparare a smontare e rimontare velocemente sulla bicicletta, e ogni anno quando riprendo dopo molti mesi che non pratico sono abbastanza arrugginito.

2) QUALE BICI USARE? 

Fare ciclocross dovrebbe implicare l’uso di una bici dedicata. Fortunatamente però in molti circuiti provinciali sono ammesse anche le Cross Country e le Gravel. Se al momento il ciclocross è solo un esperimento per voi e non avete ancora intenzione di investire in una CX, potrete tranquillamente gareggiare con la vostra XC o Gravel. Non c’è niente di male nell’usare una Gravel, ho visto gente farlo e anche con buoni risultati. Per esempio la mia bici da viaggio ha un taglio crossista vecchio stile, non è leggera, non è corta, ma si batte bene.

Brothers Cycles Kepler
Pesa molto di più perchè in acciaio e le geometrie sono più rilassate con foderi carro e un reach maggiori

Le bici da XC sono viste meno di buon occhio perché nettamente avvantaggiate ma hanno una classifica separata.
Resta pur sempre vero che usare una vera bici da ciclocross vi permetterà di vivere l’esperienza in maniera più autentica. 

3) QUALE SETUP SCEGLIERE

 Il ciclocross richiede una guida molto attiva su curve a gomito, cambi di pendenza, fango e segmenti in cui per proseguire è necessario scendere a piedi. Solitamente si consiglia di tenere la sella più bassa di qualche centimetro e usare un attacco manubrio più corto.
Una sella che svetta meno rispetto al manubrio renderà più facile lo smontare e rimontare in sella anche se di contro non sfrutterete al meglio la pedalata e
sicuramente potreste avere dei fastidi nella parte bassa della schiena dopo molto sforzo.
Un attacco manubrio più corto invece restituirà uno sterzo più reattivo ma meno stabile. Però trattandosi di guidare in fuori strada è un compromesso che accetto volentieri.
Dettaglio dell'altezza sella e dell'attacco manubrio
Un dislivello sella-manubrio minore e un attacco manubrio più corto di quelli che uso su strada
 

4) LA SCELTA DELLE GOMME

Per quanto riguarda la scelta delle gomme se intendete usare una sola coppia di ruote potreste optare per una configurazione che veda un copertone con battistrada aggressivo all’anteriore e uno più scorrevole al posteriore. I copertoni all-round infatti offrono meno attrito al rotolamento sebbene non abbiano un “grip” al pari di gomme più tassellate. Ad ogni modo svolgeranno benissimo il loro lavoro sul retrotreno. Invece alla gomma anteriore, considerata quella che “guida” negli inserimenti in curva, si addice di più un battistrada con tasselli pronunciati. Io per esempio mi sono trovato bene con l’accoppiata Schwalbe X-One Bite all’anteriore e X-One All round al posteriore.
In alternativa potete anche preferire un set di copertoni di un unico tipo consapevoli del fatto che potrebbero rendere diversamente in base alle condizioni del percorso. Su terreni secchi e compatti per esempio due copertoni scorrevoli andranno più che bene, diversamente invece quando il fango abbonda sui percorsi.
CONSIGLI PRATICI PER IL CICLOCROSS - Confronto tra lo Schwalbe X one Bite e X one allround
A sinistra il dettaglio del battistrada dello Schwalbe X- one Bite con i suoi grandi tasselli ottimi per il fango e a destra quello dello Schwalbe X-One Allround, più adatto al rotolamento

La scelta della pressione dipende dalle condizioni del terreno e dal grip che volete ottenere. Come sulla mtb tenete la gomma dietro più gonfia e quella davanti più morbida.
Se state utilizzando pneumatici tubeless potreste anche valutare un’inserto anti foratura come il Vittoria Airliner, che proteggerà il vostro cerchio e vi consentirà di scendere ulteriormente di pressione. Gli inserti sono spesso utilizzati in ambito gravity per proteggere i cerchi delle ruote quando si utilizzano pressioni di gonfiaggio minori. 
Ma non eccedete con l’abbassemento della pressione perché potreste stallonare e finire con la gomma a terra.
 

5) l’abbigliamento

 Per praticare ciclocross si usa lo stesso vestiario di quando si esce su strada o si pratica XC. Dei guanti a dita lunghe risultano più protettivi in caso di caduta, così come degli occhiali a lente neutra (categoria 0) non sarebbero male per proteggere gli occhi dalle particelle di sporco sollevate dalle ruote. Non sono necessari, molti non li usano mentre altri sì. Possono rivelarsi oggetti utili quindi ve li consiglio.

Foto di occhiali a lente tipo 0 e guanti a dita lunghe
Occhiali categoria 0 e guanti a dita lunghe

Dato che è prevista anche un pò di corsa leggera, suggerisco di scegliere le scarpe in base alla morbidezza della suola. Delle scarpe da XC (e alcuni modelli specifici per il ciclocross) con una suola non troppo rigida potrebbero essere l’ideale. Eviterei suole troppo dure come quelle in carbonio perché saranno scomode nella fasi di corsa a piedi.

Foto che mostra i tacchetti in punta su una scarpa da XC
Questi due tacchetti in punta sono una manna per le salite fangose

Inoltre verificate che le scarpe abbiano la possibilità di montare dei tacchetti supplementari in punta così da aumentare la presa sulle salite più ripide in cui dovrete trasportare la bici in spalla.

Per i pedali, se il modello lo permette, regolate il rilascio della tacchetta in modo che sia il più “morbido” possibile. Questo vi permetterà di poter sganciare e agganciare il piede più facilmente.

6) IL PRE-GARA 

Il giorno della gara vi consiglio di presentarvi presto e partecipare alle prove libere del circuito per avere il tempo di studiare i passaggi più difficili e provarli con calma.
Inoltre approfittate di questo momento per fare dei test sulla pressione gomme.
Mi raccomando,
non date il massimo nei giri di prova e abituatevi a mantenere la muscolatura calda fino all’inizio della gara.
Quindi una volta terminate le prove continuate a pedalare a ritmo blando. Molti portano i rulli e fanno andare le gambe per qualche decina di minuti vicino alla macchina o sotto al paddock, altri invece preferiscono pedalare nei pressi del circuito.

Quando partecipate a una gara vi verrà consegnato un numero da apporre alla maglia. Per farlo vi serviranno delle spille da balia o meglio ancora dei magneti (ottimi quelli da maratona) per non rovinare l’indumento. Chi è pratico delle gare di ciclismo in generale potrebbe trovare questo consiglio scontato ma vi assicuro che non lo è per tutti.
Mi raccomando assicuratevi di averne sempre con voi il giorno della gara altrimenti dovrete elemosinarli in giro sperando che qualcuno sia benevolo nei vostri confronti.

Dettaglio di spille da balia e magneti da maratoneta
Un’ottima alternativa alle spille da balia sono i magneti che usano anche i maratoneti come questi Bib Up

Questi che vi ho elencato erano alcuni consigli pratici che mi sento di dare a chiunque abbia l’ardore di praticare ciclocross.

Foto che mi ritrae nel dopo gara a mangiare
E ricordate, dopo la gara mangiate e bevete perché ve lo siete meritato.

 

2 commenti su “6 CONSIGLI PRATICI PER IL CICLOCROSS”

  1. Consigli chiari ed utili per praticare un’attività molto impegnativa ma divertente.
    Grazie e permettimi… Dio salvi il ciclocross!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SE L'ARTICOLO TI è PIACIUTO CONDIVIDILO!

Ti piace quello che facciamo?
sUPPORTACI CON UN CAFFè

Buy Me a Coffee

Condividi l'articolo!

ULTIMI ARTICOLI

Bjorn Dead Rabbit custom build swizerland svizera MTB custom artigianato
INTERVISTA DEAD RABBIT: MTB CUSTOM DALLA SVIZZERA
Leggi tutto »
Leatt Helmet 2.0
LEATT ENDURO 2.0 MTB HELMET: IL CASCO ENTRY-LEVEL DA ENDURO
Leggi tutto »
trek line elite pedals flat pedals
TREK LINE ELITE PEDALS: OK IL PREZZO É GIUSTO
Leggi tutto »
MAG Bike ethernum tecnology cane creek double barrel DB kitsuma sram bikes brose smag ASX wireless rockshox
INTERVISTA A MAG BIKE: UNA STARTUP TUTTA DA SCORPIRE
Leggi tutto »
O'NEAL protezioni casco D3O O'NEAL FURY FOX FOX PROFRAME FOX SPEEDFRAME TROY LEE DESIGN STAGE ALPINESTARS ACERBIS BODY ARMOUR 100%
LE PROTEZIONI PER DIVERTIRSI IN SICUREZZA IN MTB
Leggi tutto »